News ed Eventi

#INDOVINACHIVIENEACENA con lo chef Bjorn Massop

16/04/2019

#INDOVINACHIVIENEACENA con lo chef Bjorn Massop

Conosciamolo attraverso un'intervista tratta da I'M CHEF Magazine

Come chef de cuisine di Basiliek e executive chef di De Echoput ha lavorato, come dice lui, "per grandi, grandi nomi". Ora, a Villa Ruimzicht, è lui ad essere sotto i riflettori.

Fortunatamente Bjorn Massop ha aspirazioni molto chiare. Vuole lavorare solo con i la migliore selvaggina, vuole coltivare le proprie erbe e verdure e più di ogni altra cosa, vuole elevare il mestiere di cucina a una forma d'arte. 

Di seguito riportiamo un estratto dell' intervista rilasciata dallo chef al Magazine I'M CHEF.

La carriera culinaria di Bjorn Massop è stata intensa, compreso uno stage presso De Zwethheul (due stelle Michelin), vicino a Rotterdam. Invece di rimanere lì - il che sarebbe stato fantastico per il suo curriculum - ha scelto di lavorare in un ristrarant più piccolo, il Jachthuis nella città di Hoog Soeren.

Passato poi a un altro ristorante stellato Michelin, Basiliek a Harderwijk, dove è stato un sous-chef e poi uno chef di cucina. Alcuni anni dopo, ha fatto il passaggio ad executive chef presso il famoso ristorante specializzato in selvaggina di Peter Klosse, De Echoput. Ha iniziato una nuova avventura nella primavera del 2017: Hotel Villa Ruimzicht a Doetinchem, dove ha deciso di cambiare le cose in cucina.

"Avevo diciotto anni quando sono entrato nello staff di Het Jachthuis a Hoog Soeren. Questa è stata la scintilla che ha acceso la mia passione per la selvaggina. È la carne più bella,più naturale che ci sia. Gli animali selvatici si nutrono di ciò che vogliono e di cui hanno bisogno. A proposito, per selvaggina non intendo solo carne. La natura ci fornisce così tante fantastiche erbe e altri prodotti. A volte le cose più semplici sono le migliori."

"Per me, è tutta una questione di sostenibilità, alimentazione e salute. Ho passato innumerevoli ore a studiare questi aspetti della mia professione. La sfida è riunire questi componenti in un insieme integrato. Ad esempio, come hotel serviamo anche la colazione ai nostri ospiti. Ciò significa che abbiamo un sacco di avanzi di pane ogni giorno. Potremmo buttarlo fuori, ma invece lo usiamo nella preparazione dei nostri brodi. Se togliamo qualcosa di commestibile, qualunque cosa sia, guardiamo sempre a come possiamo usarlo. Non voglio buttare via niente. Questa è una regola cardinale nella mia cucina. Richiede un cambio di atteggiamento, ma per me è l'unico modo. Certo, la cosa più semplice del mondo è gettare gli scarti nella spazzatura, ma è uno spreco. Credo davvero che la formazione dei giovani chef ad adottare la giusta mentalità sia la chiave."